martedì 30 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 8ª parte

video

Siamo alla fine di questo breve serial (divenuto tale per motivi di caricamento). L'ultima parte è dedicata a tutti i membri più vecchi e gli ex membri ed il legame indissolubile che li lega all'orchestra.

Programmazione locali notturni cuba (settimana dal 30/11 al 06/12)


sabato 27 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 7ª parte

video

In questo episodio seguiamo l'orchestra nelle tappe centrali del tour nazionale ed i momenti di relax dei musicisti e gli spostamenti lungo l'isola. Interessante è poi l'intervista al critico Leonardo Acosta, che analizza cosa sono stati i Los Van Van e dichiarando che con l'uscita di scena di Formell anche la band sarà finita, nel senso che pur continuando a portare lo stesso nome, non sarà la stessa di prima. Infine, l'intervista ai Formell, padre e figlio, in un immaginario passaggio di consegne.

venerdì 26 novembre 2010

NG la Banda - Si yo tuviera 20 (Mis 22 años)

video

Ecco l'ultimissimo video di José Luis Cortes, el Tosquissssiiiiimoooooo!!!!
Si tratta del vecchio tema della sua band, rivisitato dopo molti anni. Se avessi 20 anni dice Cortes, ed insieme a lui c'è niente meno che Juan Formell, che canta la parte iniziale.
Molti di voi non conoscono neanche José Luis Cortes, ma vi assicuro che è stato (e per me ancora lo è) il numero uno della musica cubana....

giovedì 25 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 6ª parte

video

In questo sesto episodio viene raccontato del premio Grammy ricevuto nel 2001, della malattia di Formell e della sua decisione di non suonare più, lasciando l'orchestra nelle mani del figlio.

mercoledì 24 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 5ª parte

video

In questo quinto episodio continua la tournee nazionale dell'orchestra, e poi ci si sofferma sui ricordi dei vecchi membri e cosa è significato Los Van Van per loro e cosa ancora significa. In modo particolare parlano Pedrito Calvo e Pupy, quest'ultimo il quale lascia per un attimo trapelare l'emozione amara di non essere più un vanvanero.

lunedì 22 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 4ª parte

video

Prosegue il nostro viaggio in treno, con il treno di Cuba, el tren del sabor. Artisti, critici musicali e storici continuano a faci capire quanto sono significati i Los Van Van per il popolo cubano. I testi delle loro canzoni riproponevano le vicende quotidiane in cui ognuno poteva rispecchiarsi. Formell ha avuto la capacità di restare sempre sulla cresta dell'onda, cosa non semplice. Cuba e i Los Van Van, il popolo e Formell, binomi perfetti per il successo.

domenica 21 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 3ª parte

video

In questo terzo episodio prosegue la tourneè dell'orchestra, passando per i 270 mila spettatori di Santiago, fino alle altre provincie centrali. Intanto i membri dell'orchestra, vecchi e nuovi, ricordano le loro esperienze. Da Armando Cuervo e la sua "Pastorita tiene guararé", a "El baile del buey cansao".

sabato 20 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 2ª parte

video

In questo secondo episodio, alcuni degli ex membri dell'orchestra, critici ed altri grandi musicisti, cercano di spiegare il successo che hanno avuto i Los Van Van negli anni 70 ed 80. Intanto inizia il viaggio lungo l'isola per la tournee nazionale: prima tappa Guantanamo.

venerdì 19 novembre 2010

Los Van Van - Eso que anda (la pelicula) 1ª parte

Da oggi vi presento l'ultimo film documentario della più grande orchestra cubana, i Los Van Van. E' stata girata durante l'ultima tournee nazionale del 2006, ma è stata prodotta solo ad inizio 2010. E' divisa in 8 parti ed è in spagnolo. Guardatelo, anche se non conoscete la lingua, anzi sentitelo con il cuore e capirete più di quanto immaginiate. Sono i Los Van Van!!!


video

La prima parte parla di come è stato scelto il nome dell'orchestra, con riferimento alla zafra (la raccolta della canna da zucchero) ed all'obiettivo del governo cubano di raggiungere i 10 milioni di tonnellate. Uno degli slogan di quegli anni era proprio "ahi van 5 milliones", ahi van 6 milliones", "ahi van van".

giovedì 18 novembre 2010

Arnaldo y la Cosmopolita - En otra direccion (2009)


Oggi presento l'ultimo disco dell'orchestra di Arnaldo Jimenez, la Cosmopolita, uscito nel 2009 e contenente molti dei brani che ci stanno facendo ballare quest'anno. Arnaldo Jimenez è un bassista che vanta una lunga carriera artistica, avendo collaborato con Issac Delgado (nel disco "Con ganas"), Paulo FG (nel disco "Sofocandote"). Negli anni passati ha collaborato come direttore musicale nei dischi di Orlando Canto (il vecchio flautista dei Los Van Van) e Havana City "El zun zun", e continua a collaborare con l'orchestra di Elito Revé.
Quest'ultima produzione con la Cosmopolita è sicuramente la migliore e vanta di numerose collaborazioni con artisti quali Tirso Duarte, Armando "Mandy" Cantero, ecc.

sabato 13 novembre 2010

Maraca - Tremenda rumba (2002)



Oggi vi presento un altro dei migliori dischi del decennio, Tremenda rumba, dell'orchestra Maraca, ovvero Orlando Valle detto "Maraca". Il disco è una raccolta di vari generi musicali tradizionali cubani rivisitati dal grande flautista in chiave moderna e con non poche influenze jazz. Personalmente lo ritengo meraviglioso.
A seguito vi lascio la biografia di Maraca, presa dal suo sito ufficiale (http://www.maraca.cult.cu/).
La biografia è in spagnolo, non ho avuto il tempo per tradurla, spero che mi scusiate. Magari è l'occasione per imparare un pò di lingua madre. Comunque per chiunque avesse dubbi o volesse delucidazioni, mi scriva senza pensarci due volte.





Nominado a los Premios Grammy’s 2003 como Mejor Álbum de Salsa del Año”, y ganador de múltiples Premios CUBADISCO y EGREM en Cuba como “Mejor Álbumes Fusión” (1999, 2001), “Mejor Álbum de Latin-Jazz” (1995) y “Mejor Grabación” (2003) el flautista Cubano, compositor y director de grupo Orlando Valle “Maraca” es todo un espectáculo en vivo cuando dirige su grupo de 12 músicos. Músico y director calificado de “visionario” (Chicago Tribune en Español, 2003), considerado como uno de los nombres mas cotizados en la música Afro –Cubana (Los Angeles Times, 2001) y como “el grupo Afro-Cubano más influyente del siglo naciente” (Chicago Tribune, 2000), Maraca es apreciado por brillar en todos los ámbitos de la música Afro-Cubana y Latina ; de la salsa al latin-jazz, su música es un cóctel de energías y fusiones que abarca desde las improvisaciones más jazzísticas hasta los elementos mas bailables de la música popular Cubana y Caribeña.
Ha llevado con tremendo éxito sus grupos “Maraca & Otra Visión” y “Maraca & Afro-Cuban Jazz Masters” a más de 35 países del mundo, entre ellos Europa casi completa y Estados-Unidos – donde realiza giras extensas varias veces al año desde 1996, y tambien Canadá, África, Cuba, el Caribe (Santa Lucía, Martinica) y América Latina (Colombia , Costa-Rica, Brasil).
Sus prestaciones enérgicas en el escenario ; su sentido del espectáculo ; la comunicación intensa y la fusión lograda con los diferentes públicos ; la musicalidad y variedad de géneros de su repertorio son celebradas y aplaudidas por las mas exigentes crítícas internacionales y contribuyen a la fama de este artista muy creativo y al carácter único de su agrupación.
Desde la creación de su grupo en 1995 (y despues de 6 años trabajando como flautista, tecladista y arreglista con el grupo Irakere de Chucho Valdés), Maraca ha grabado 6 discos como solista y aparece en más de 40 producciones como flautista invitado ; sus 3 video-clips han sido nominados y premiados también durante la competencia anual de video-clips “Premios Lucas” en Cuba, como “Mejor Video-Clip de Fusión” (1999, 2001) y “Mejor Artista Novel”.
Cuando Maraca no se encuentra de gira con su grupo o de invitado de otros proyectos, compone, arregla, graba o produce en Cuba para el o para otros artistas de fama internacional, tales como Cubanismo (Cuba), Afro-Cuban All-Stars (Cuba), Nora (Japón), Orlando Poleo (Venezuela), Cesaria Evora (Cabo-Verde) y muchos otros artistas.
Orlando Valle “Maraca” es tambien el creador del proyecto “Maraca & Afro-Cuban Jazz Masters” (15 músicos) ; ha presentado a diversos escenarios europeos y americanos desde el 2001 los mas prestigiosos solistas latinos y americanos como “invitados estelares”, tales como Giovanni Hidalgo (Puerto-Rico), Jimmy Bosch (EE-UU), Tata Guines (Cuba), Changuito (Cuba) y otros destacados solistas Cubanos.
“Maraca & Afro Cuban Jazz Masters” se caracteriza por el alto nivel musical y el reconocimiento internacional de los solistas invitados, y el carácter rotativo de los mismos, así como la complicidad y el entusiasmo de sus participantes en el escenario, dispuestos siempre a entregar lo mejor de su música, con un repertorio original brillante y explosivo.
A menudo, Maraca dirige conciertos-espectáculos inéditos y ambiciosos, como por ejemplo el espectáculo encargado para el 120 aniversario del ron “Habana Club” relatando la historia musical de Cuba a travès de una big-band y un cuerpo de baile de 120 bailarines montado especialmente para la ocasión, o los conciertos calificados de “inolvidable” por la prensa nacional cubana, como los que ofreció para el público de los Festivales Havana Jazz Plaza del 1997 y 1998, junto a Los Muñequitos de Matanzas (1997), Giovanni Hidalgo y David Sánchez (1998), y en el 2002, junto a Yoruba Andabo, donde reunió en el escenario a una treintena de músicos, percusionistas y bailarines folklóricos.

mercoledì 10 novembre 2010

Programma locali notturni a Cuba (settimana dal 9 al 15 novembre)

Devo fare una precisazione in merito a queste programmazioni che settimanalmente pubblico nel blog. La EGREM me le invia il giorno stesso in cui esse iniziano ed al massimo il giorno prima. Sembrerebbero quindi inutili a coloro in partenza per Cuba, ma voglio darvi un consiglio. Se guardate tutti i programmi settimanali dei locali notturni cubani, specialmente per quanto riguarda La Habana, essi sono simili di settimana in settimana, seguendo una programmazione stagionale. Quindi, se siete in partenza per Cuba, stampatevi il programma della settimana precedente e quella in corso (se si accavalla con la partenza), le differenze saranno minime, se non inesistenti. Grazie

lunedì 8 novembre 2010

Elio Revé y su Charangon - Se sigue comentando (2004)


Questo album è uno dei migliori del primo decennio del nuovo millennio, con brani che sono diventati classici della musica ballabile amati in tutto il mondo.
Si tratta del terzo album dopo la morte di Elio Revé, fondatore di questa orchestra nel lontano 1956 ed ideatore di uno stile molto personale che coniuga il tradizionale changuì orientale con i ritmi moderni. Tragicamente scomparso in un incidente stradale, la band passa nelle mani del figlio Elio Revé Matos, che suonava il piano e già aveva composto qualche brano per l'orchestra.
Dopo un paio di dischi che ripropongono i successi del padre, Elito con questo disco propone undici brani tutti nuovi, di cui "Dale agua al domino" e "Se sigue comentando" (conosciuta anche come"Uyuyuy que veo") scritte dallo stesso Elito.
Il Produttore musicale è Arnaldo Jimenez Villafranca, già direttore di Arnaldo y la Cosmopolita e Boris Luna.


I membri della band sono:

Dagoberto Vazquez, Alexei Sanchez “El Nene”, Roberto Morales (cantanti)
Elio Revé Jr. (piano)
Roy Alain Sain (piano)
Arnaldo Jimenez (basso, marímbula)
Raul Martínez (güiro)
Jorge Bravo (timbales)
Adrian Chacon (congas)
Ulises Texidor (bongó)
Eulises Benavides, Orlando Montaner (tromboni)
Jorge Luis Vila (tres)

venerdì 5 novembre 2010

Orquesta Sensacion - Soy sensacion (2010)


Una delle più grandi orchestre cubane degli anni sessanta, nell'inconfondibile stile del songo e della charanga.
Per veri amanti ed intenditori.

I temi del disco sono:

1.Tema De Presentacion De La Orquesta
2.El Brujo De Guanabacoa
3.Sigo Pa Lante
4.El Refran
5.Quizas, Quizas
6.Te Toco
7.El Panquelero
8.Cuatro Palabras
9.Consuelate Como Yo
10.Las Cosas De La Vida
11.Bajo Un Palmar
12.Capullito De Aleli
13.El Refranero
14.Llora Como Llore - Magdalena
15.Oye, Yo Soy Sensacion

mercoledì 3 novembre 2010

David Calzado y su Charanga Habanera - Me sube la fiebre (1992)

Vediamo oggi il primo album della Charanga Habanera, una delle band che più hanno contribuito al boom della musica cubana nel mondo e che ancora oggi è al vertice del gusto di tutti i cubani. Ultimamente si sentono meno brani di quest'orchestra nei locali notturni italiani, ma a Cuba la cosa è ben diversa, restando forse l'unica band che ancora regge il confronto nel gusto dei giovani rispetto al reggaeton.


Copertina originale

David Calzado è un violinista cubano che aveva suonato per diverso tempo con la orchestra Ritmo Oriental, in voga negli anni settanta ed ottanta, influendo decisivamente in alcuni elementi dello stile di Calzado.
Intorno alla metà degli anni ottanta David Calzado decide di formare una propria orchestra ed accetta di suonare, presso alcuni Casinò di Montecarlo,
musica tradizionale cubana. Dopo cinque anni in Europa, dove la band ha condiviso il palcoscenico con i grandi artisti della disco music americana, Calzado decide di cambiare del tutto traiettoria e con la Charanga Habanera registra un ambum riconosciuto come il secondo nella storia della timba, lanciata da ormai tre anni da José Luis Cortes y NG la Banda.
Tuttavia, il primo brano del disco intitolato "Me sube la fiebre" (all'estero uscirà con il titolo "Love fever"), scritta da Giraldo Piloto e che da il nome al disco, lascerà di stucco tutti per la sua originalità e per le novità musicali in esso contenute.
Fondamentale lo stile di basso di Pedro Pablo Gutierrez, paragonato da molti al leggendario James Jamerson, che utilizza un baby basso Ampeg, mentre la maggior parte dei bassisti cubani utilizza quello elettrico. Egli utilizza alcune delle tecniche funk degli ultimi anni, mentre il suo stile ricorda quello del Motown di Jamerson, specie per quanto riguarda l'impatto ritmico e l'utilizzo degli spazi in relazione alla clave. Tuttavia Pedro Pablo non ha mai seguito o studiato James Jamerson. La maggior parte delle parti di basso di Jamerson hanno la caratteristica di essere molto legate alla clave, inoltre egli stesso diceva di essere cubano e che il suo nome vero fosse Diego Dieguerson. Lo stile da lui perfezionato, in inglese prese il nome di “Boogaloo”, e si convertì nell’ultima moda della musica latina negli anni sessanta, in modo particolare a New York.

Il giovane Pedro Pablo Gutierrez

Altra grande innovazione musicale della charanga è l'utilizzo innovativo e spregiudicato dei blocchi, elemento peculiare del genere timba, e del quale magari parleremo un'altra volta. Personalmente ritengo che notevole è l'influsso della tecnica dei blocchi della Ritmo Oriental, precursora della tecnica.
Calzado è magistrale nella composizione delle guide, ovvero dei ritornelli e delle strofe dei cantanti nel montuno, utilizzando un linguaggio di strada, "de calle", molto amato dai giovani.
Infine, la vera rivoluzione di David Calzado è stata nella presentazione scenica ed il forte impatto coreografico che da ai suoi spettacoli. L'utilizzo di tre o quattro cantanti, di bella presenza, dalle doti danzarie e fisiche, insieme a coreografie eseguite insieme agli altri membri della band, cambiarono il concetto di esibizione, trasformando un brano oltre che in musicale anche in visivo.
Se il primo brano è uno dei migliori di Giraldo Piloto, nel secondo si mette in mostra Leonel Limonta, uno dei pupilli di Calzado, e che in seguito comporrà quello che forse è stato il più grande successo della band ("Nube pasajera"). La sua opera inaugurale fu “Extraños Ateos”, che parla del fatto che la gente si avvicina alle divinità afrocubane solo nel momento del bisogno e quando in presenza di difficoltà. L’arrangiamento è fantastico e molto probabilmente si tratta del miglior brano del disco, il quale riesce a trasportare l’ascoltatore in un’atmosfera parallela. La canzone contiene il primo esempio di due cori sovrapposti, utilizzata in seguito da molti altri.
Oltre a Piloto e Limonta, che in seguito daranno vita a due orchestre di timba che ancora oggi sono tra le migliori, Calzado si distingue come scopritore di talenti lanciando anche Manuel Gonzales Hernandez (Manolin, el medico de la salsa). Questo semplice studente di medicina, aveva già composto una tonada per NG La Banda, “Vuela Paloma”, compone quattro temi per la Charanga, il primo dei quali è “Te la voy a liquidar”. Questo tema, cantato mirabilmente da Leo Vera, mette in risalto la dote di Manolin di comporre testi e melodie. Il secondo e più celebre contributo di Manolin s’intitola “Para el llanto”, il quale continua ad essere uno dei migliori temi della storia della timba. La progressione armonica è una delle ratteristiche che differenzia il piano della salsa da quello della timba, e la Charanga è stato il gruppo che lo ha lanciato con forza nel mondo della musica latina.



Juan Formell y Rubén Blades già avevano utilizzato molte progressioni del rock & roll molto prima che Calzado entrasse ancora nell’ENA. Per quanto riguarda il montuno, già Pupy, Pedroso, Peruchín y Miguelito Armas ne avevano creati di memorabili, di quelli che da soli danno identità ad un brano mentre la novità proposta da Juan Carlos González nell’arte dei montunos/tumbaos di piano fu il suo fraseggio. Con intrepida audacia iniziò a cambiare accordo nei punti meno pensati e con impeccabile intuizione ritmica smantellò le millenarie regole che collocavano il montuno all’interno del suono della clave. Nel farlo, aprì la strada ad un’infinità di possibilità melodiche e dotandoli del suono perfetto per trafiggere le percussioni e inserirsi al meglio nella risonanza del basso di Pedro Pablo Gutiérrez. Va detto che González era prima di tutto un arrangiatore, e che la viola e non il piano, era il suo strumento principale. Alcuni dei montunos che inventò furono interpretati da Manuel Arranz, ma il suo apporto musicale cambiarono la musica cubana per sempre, incentivando una vera esplosione di creatività nell’ambito del piano e del montuno che raggiungerà il suo apice con il lavoro di Ivan “Melon” Gonzales, Sergio Noroña, Yaniel “El Majá” Matos, Tirso Duarte e Rolando Luna.
“Pregón del Chocolate” è l'arrangiamento del tastierista Manuel Arranz, di una delle prime canzoni scritte da Issac Delgado, che aspettò fino al 2001 per registrare una sua versione con La Formula, e facente parte di un disco nominato per il grammy, dove si evince una maturità timbera già avanzata.
"Me Sube La Fiebre" occupa un posto storico nella timba, non molto diverso da quello occupato da "En la Calle" di NG La Banda. I due dischi aprirono nuovi orizzonti, smantellarono formule e annunciarono l’arrivo di una forza creatrice rivoluzionaria nell’ambito habanero. Entrambi i dischi emanano la stessa freschezza e potere ancora oggi e segnarono l’inizio di una lunga serie di lavori brillanti.

lunedì 1 novembre 2010

Alexander Abreu y Havana d'Primera - Haciendo historia (2009)

Vagando per la rete qualche giorno fa mi sono imbattuto nella biografia di Alexander Abreu, il giovane e conosciutissimo trombettista e cantante cubano, fatta da lui stesso, e sono rimasto a bocca aperta. Ho deciso quindi di pubblicarla insieme all'album del 2009, che tanto sta facendo ballare nei locali di salsa, uno dei più belli degli ultimi anni.



I brani contenuti sono:

1. Resumen de los 90
2. Que buscas
3. Historia verdadera
4. Mi música
5. Despues de un beso
6. Vivencias
7. Niña bonita
8. Cuando el rio suena
9. Ony Ony
10. Confiesale
11. Las cosas de un amigo


L'orchestra Havana D'Primera è composta da:


Alexander Abreu (Voce e Trombetta)
Amaury Pérez (Tromboni)
Cristobal Verdecia (Basso)
Tony Rodriguez (Piano)
Harold Diaz (Tastiere)
Rogelio Nápoles (Chitarre)
Rodney Iyarza Barreto (Batteria e timbal)
Guillermo Del Toro (Congas e percussione)
Miguel Garcia (Bongò, campana, timbal, percussione)
Jannier Rodriguez (Maracas)
Arturo Cruz Bajo, (Tres)
Yaser Mejias (Güiro)
Invitados: Alexander Diaz (Cori)
Tomas "El Panga" Ramos (Tamburi batá)

Di seguito pubblico la autobiografia di Alexander Abreu, e vi consiglio di leggerla tutta, tenendo conto che risale a fine 2009.

AUTOBIOGRAFIA DI ALEXANDER ABREU

Il mio nome è ALEXANDER ABREU MANRESA e sono nato il 6 settembre del 1976 nella provincia di Cienfuegos, dove ho studiato al conservatorio ed allo stesso tempo ho partecipato al movimento degli artisti appassionati, suonando nel gruppo ISMAELITO e in un gruppo vocale diretto da ROSA CAMPOS. Ho completato gli studi a La Habana, diplomandomi alla Scuola Nazionale d'Arte (ENA) nel 1994.
Dalla data del mio diploma fino ad oggi ho maturato differenti esperienze artistiche e pedagogiche. Tra quelle di maggior rilievo vi segnalo:
- Professore nella specialità trombetta alle Scuola Nazionale d'Arte;
- Invitato a dare lezioni nel conservatorio RMC di Copenhagen, oltre che ai festival della musica di questa città;
Per quanto riguarda il percorso artistico ho realizzato un duro lavoro nelle produzioni e registrazioni del nostro paese ed anche di altri paesi, con artisti internazionali, risultando uno dei musicisti con più registrazioni alle sue spalle del nostro paese:

PAULO FG: Ho lavorato con PAULO FG Y SU ELITE per 6 anni, registrando tutti i dischi di questa orchestra a partire dal mio ingresso.
AUGUSTO ENRIQUE: Ho fatto parte dell'orchestra di AUGUSTO ENRIQUE, partecipando al PAVAROTTI AND FRIEND, insieme a STING, JAMES BROWN, PAVAROTTI, ANDREA BOCCELI (un evento per i bambini africani).
IRAKERE: Ho fatto parte dell'ultima generazione dell'orchestra IRAKERE, nella quale fui chiamato quando ero studente, aspettando di crescere musicalmente prima di suonarvi, e registrando l'ultimo CD "30 años".
ORQUESTA SINFONICA DE CUBA: diretta da SANCHEZ FERRER, DUCHESNE, SERGIO VITIER, FRANK FERNANDEZ, e con la quale siamo stati nominati al GRAMMY.
TEAM CUBA: un'orchestra creata nel 1998 da direttori del calibro di Isaac delgado, Juan formell, ed altri ancora, nella quale furono coinvolti tutti musicisti di prima linea.
PABLO MILANES: ho registrato alcuni brani dei suoi dischi PABLO QUERIDO e HOMENAJE A PABLO.
KLIMAX: ho registrato con quest'orchestra il loro ultimo disco e vi ho suonato come invitato al festival EL TAMBOR.
ISSAC DELGADO: ho registrato e suonato con questa orchestra i dischi MALECON e VERSOS EN EL CIELO.
PACHITO ALONSO: ho registrato l'album LA HABANA ME QUEDA CHIQUITA.
ANDY MONTAÑEZ: ho fatto parte dei musicisti invitati al diso AMIGOS, nominato al GRAMMY.
DAVID BLANCO: ho lavorato nel disco UN SOLO PIE ed altri ancora.
HAILA MOMPIE: ho partecipato ai dischi HAILA e DIFERENTE.
DAYRON y EL BOOM: ho registrato il disco DAYRON Y EL BOOM.
MAYITO RIVERA: mi ha invitato a registrare i suoi dischi LA GUARAPACHANGA e EL TONO QUE TRAIGO YO.
YUMURY y SUS HERMANOS: ho lavorato alla realizzazione del disco YUMURI y SUS HERMANOS.
Ho partecipato alla realizzazione dei dischi LA RUMBA SOY YO I (nominato e vincitore de GRAMMY 2001) e II.
ROLANDO LUNA: ho registrato il disco ROLANDO LUNA.
JUAN MANUEL CERUTO: ho registrato il disco PUERTO PADRE.
AMAURY PEREZ: ho registrato il disco ALGO EN COMUN.
YOLY: ho registrato il disco YOLY.
MIRIAN RAMO: ho registrato il disco OBSESION.
CESAR LOPEZ: ho registrato il disco CUBILETE. (Integranti di Irakere)
TERESA CATURLA: ho registrato il disco LLEGO TETE.
POLO MONTAÑEZ: ho registrato il disco HOMENAJE A POLO MONTAÑEZ.
PAPINES: ho registrato il disco LOS PAPINES SIGUEN OK.
AUGUSTO ENRIQUEZ: ho registrato il disco LA BOLITA.
BILL WOLFING: ho registrato il disco MAMBORAMA.
Ho partecipato al disco HOMENAJE A JUAN ALMEIDA.
PEDRO CALVO: ho registrato due suoi dischi.
JOSE LUIS CORTES: ho registrato il disco DE AQUÍ PA ALLA.
VAN VAN: ho registrato il disco CHAPEANDO.
SOL&SOUL: ho registrato due dischi.
Ho partecipato al disco GRACIAS FORMELL.
Ho partecipato al disco TRIBUTO (PAULO FG), del 1997.
GRUPO DETALLE: ho registrato il disco DETALLE DE SALSA CUBANA.
ROJITA Y SU ORQUESTA: ho registrato il disco SOY SALSERO, SOY CANTANTE.
ROBERTON HERNANDEZ (LOS VAN VAN): ho partecipato alla realizzazione del suo disco.
Ho partecipato al disco VOLVERAN.

Ho lavorato, suonato e registrato con le seguenti altre orchestre:
BONY Y KELLY, VITALY Y SU TIMBA, GERARDO ALFONSO, ANAIS ABREU, ADALBERTO ALVAREZ, SELLO L.A, MANOLIN EL MEDICO DE LA SALSA, CARLOS MANUEL Y SU CLAN, KONO, CLARISSA Y FAMILIA LATINA, BUENA VISTA SOCIAL CLUB, MONCHO EL GITANO DEL BOLERO, CHARANGA HABANERA, CUBANITO 2002, GRUPO DANSON, FERNADO ALVAREZ, FRANK RUBIO.
questi invece sono alcuni dei miei lavori come trombettista. Ho partecipato ai festival della CRISTAL, AL RONNIE SCOTT, a festival in molti paesi europei.
Ho suonato come invitato con molti artisti internazionali, in particolare con OSCAR DE LEON e DON OMAR.
In Danimarca sono anche arrangiatore e compositore del GRUPO DANSON.
Nel 2000 ho ricevuto il primo premio del concorso indetto dal sito TIMBA.COM come miglior trombettista DI TIMBA, davanti a figure del calibro di ELPIDIO CHAPOTIN, CARMELO ANDRES, JUAN MUNGIA, JULIO PADRON, ecc.
Ho partecipato a molti programmi televisivi e film nazionali e stranieri, tra i quali ricordo: BENNY MORE, MUSICA CUBANA UN REY EN LA HABANA, HABANA BLUE.

Sembra la carriera di un musicista di 80 anni, rispetto ai suoi soli 34 anni. E noi tutti, appassionati, aspettiamo altre mille imprese.

Share