martedì 12 ottobre 2010

Alain Perez - Apetecible (2010)


Il bassista cubano Alain Perez nasce a Manaca Iznaga nel 1977, un piccolo villaggio in provincia di Trinidad. Ad 8 anni inizia a cantare in un gruppo musicale infantile nella provincia di Cienfuegos, e parallelamente comincia a studiare solfeggio. Nel 1988 entra nel Conservatorio di Musica "Manuel Samuell" di Cienfuegos per studiare chitarra classica e piano. Nel 1993 si trasferische a La Habana, dove prosegue gli studi di chitarra nella Scuola Nazionale d'Arte (ENA). Nel 1996 si diploma con il massimo punteggio in chitarra elettrica, classica e direzione d'orchestra.
Ma, senza dubbi la sua prima scuola fu il focolare domestico. Alain crebbe ascoltando guajiras e sones. Suo padre, l'esperto compositore Gradelio Perez, gli insegnò l'importanza della qualità dei testi. Nel 1995, mentre frequentava il terzo anno di chitarra all'ENA, ebbe l'opportunità di formar parte della prestigiosa ed acclamata formazione cubana di jazz latino Irakere.
Così ricorda quella sua prima esperienza: "mi sedevo a lato di Miguel Anga Diaz e ascoltavo giorno dopo giorno la sezione fiati. mi arrivava al cuore, assorbendo il linguaggio di generazioni dei musicisti più importanti di Cuba." Alain partecipò come arrangiatore e cantante insieme a Irakere e al maestro Chucho Valdes al Festival di Salsa di Cali, in Colombia. Quella fu la sua prima esibizione su un palcoscenico internazionale.
Ma è nel 1996 quando avviene il salto definitivo di Alain Perez al livello più alto della scena musicale cubana. La grande opportunità giunge quando riceve l'invito di Issac Delgado di suonare con la sua formazione in un famoso cabaret habanero. Alain avrebbe dovuto sostituire il bassista ed accettò, fnì per convertirsi nel direttore musicale dell'orchestra. Nell 1998 si reca in Spagna come membro di una orchestra di stelle cubane in tournee in Europa, e decise di fermarsi li un periodo perchè gli proposero di registrare il suo primo disco in solitario. Stabilì la sua residenza in Spagna ed iniziò a lavorare con musicisti spagnoli.
Nel 2002 partecipò, con Enrique Morente ed altri musicisti al progetto "Africa-Cuba-Cai", un incontro tra flamenco, musica cubana e ritmi senegalesi. Successivamente con lo stesso Morente incise "El pequeño reloj", dove si può riconoscere il suono peculiare del basso di Alain Perez doppiando i falsetti di una buleria nella quale il Morente canta a Gustavo Adolfo Becquer. Ma quello che più ha fatto parlare di se e del suo talento ultimamente, è stata la sua collaborazione con Paco de Lucia, ed il risultato si può ascoltare in "Cositas buenas". Il progetto coinvolse un favoloso sexteto che realizzò una strepitosa tournee mondiale, con Alain Perez al basso.



Eccellente bassista, percussionista, pianista, cantante, compositore ed arrangiatore, questo giovane cubano ha ricevuto i migliori elogi della critica musicale. COltivatore e difensore della salsa, timba e Latin Jazz, possiede un'ampia discografia ed ha composto temi come "La sandunguita" e "Con la punta del pié". Il suo talento gli ha permesso di lavorare con orchestre e musicisti cubani del livello di Irakere, Los Van Van, Issac Delgado, Paquito D'Rivera, Celia Cruz, Habana Abierta e molti altri. In Spagna ha suonato con Enrique Morente, Paco de Lucia, Diego "El Cigala" e Niño Josele, che non ha dubitato nell'inserire il ritmo cubano nelle sue ultime produzioni.
In Spagna il suo lavoro è stato riconosciuto con il Premio SGAE di Jazz Latino nel 2002 e nel 2006 diede vita a "En el aire", il suo più recente progetto musicale accompagnato da eccellenti musicisti.
Nel suo lavoro come bassista riconosce l'influenza di musicisti cubani quali Feliciano Arango, Carlos del Puerto e Israel "Cachao" Lopez, ma decisivo fu ascoltare a John Patitucci, Victor Wooten e Ron Carter.

Biografia estratta dal sito del musicista (http://www.alainperez.net/)


Tracklist

01. Siglo XXI
02. Ense?alo a quererte
03. Rosa de la rosa roja
04. Apetecible
05. Pero no termino
06. Amor de bolero
07. Me duele pero te dejo
08. Juanito el malo
09. Siempre Mar?a
10. Beso peligroso
11. Tengo una esperanza
12. No vuelvas a decirlo

Share