martedì 26 ottobre 2010

AA.VV. - Cesar Pedroso, Fruta prohibida (1995)


Corre l'anno 1995 e La Habana è la culla della timba, il nuovo ed esplosivo ritmo. Sono gli anni di Manolin e la Charanga Habanera, ma in modo particolare di José Luis Cortes e NG la Banda. El Tosco, oltre ad essere il principale artefice della nascita della timba con numerosi successi che fanno ballare i giovani havaneri, sa anche apprezzare il lavoro degli altri. Cortes mette da parte il flauto e si veste da produttore e realizza questo omaggio a Cesar Pedroso, "Pupy", coinvolgendo alcuni grandi della musica cubana ed alcune nuove stelle.
Il disco ripercorre la storia del pianista dei Los Van Van, nel periodo apice della sua carriera, quando ancora non ha maturato (forse) l'idea di lasciare Formell, e regala alcuni delle sue composizioni più belle.


I brani dell'album ed i rispettivi artisti sono:

01 - Despues que te casaste (Raul Planas, uno dei più grandi cantanti soneri cubani degli anni settanta)
02 - Eso Està Bueno (il giovanissimo Issac Delgado)
03 - Serà Que Se Acabò (Issac Delgado)
04 - Disco Azucar (Omara Portuondo)
05 - Calla, Calla (Mario Mayito Rivera)
06 - Fallaste Al Sacar Tu Cuenta (Caridad Cuervo)
07 - Tranquilo, Mota (Pedrito Calvo)
08 - El Buena Gente (Rolo Martinez)
09 - Me Gusta Pero No Puede Ser (Xiomara Laugart)
10 - Hoy Se Cumplen Seis Semanas (Jorge Luis Rojas)

Share